Le intricate storie d’amore di Toronto, Canada

Oggi ho preparato i migliori pancake della mia vita. Non ho fatto foto, purtroppo.

Toronto - Storie d'amore

Ma cose più interessanti sono successe di recente. Un amico di Bowen, D. – di Toronto – ha mollato la ragazza M. con cui stava da 10 (dieci!) anni. A 26 anni è una scelta coraggiosa, o incredibilmente idiota. L’aspetto ancora più interessante, è che motivo della separazione, probabilmente, è F., un’altra amica di Bowen – una cinese dagli occhi tipo manga che sfarfalla tra un ragazzo e l’altro. Tutti e tre (la coppia e l’amante) frequentano l’Università di Toronto.

Nessuno ha chiaro cosa sia successo tra D. ed F., ma c’ è sicuramente sotto qualcosa visto che i due sono scomparsi e non si sono più fatti sentire di recente. Saranno in giro per Toronto come due piccioncini? Non credo, visto che F. oltre che farfallona è anche “profumiera”… LOL 😀

Che dite, D. è da crocifiggere (vedi foto) oppure no?

Toronto (Hamilton)

Ecco come cambia la mia vita: da Toronto al Circolo Polare Artico per North Fish Company Ltd, Ontario

Ci sono offerte che non puoi rifiutare. Ho trovato un lavoro a Toronto (più o meno)!

focheeq3.jpg.jpeg

Ho trovato l’annuncio su Monster Canada e ci ho pensato un pò. Si tratta di 3 mesi di pesca in prossimità del Circolo Polare Artico. Una nave della North Fish Company Ltd. di Ebitocoke (ONTARIO) salperà il 27 aprile alla volta del grande Nord.

La paga è $27,900 dollari canadesi per 90 giorni lavorativi (niente weekend libero). A questa cifra va sottratto il 13% (tasse dello stato dell’Ontario), per un totale netto di $24,690. Sono circa €15,000, diciamo che anche se dovrò stare in mezzo ai pesci per tanto tempo ne vale la pena!

Bowen? Completerà la sua laurea e poi tornerà in Cina: la raggiungerò lì a Luglio. Auguratemi buon viaggio!

Ancora un trasloco: alla scoperta del nuovo Condo di Toronto (Lakeshore)

Finalmente io e Bowen ci siamo trasferiti al nuovo Condominio a Toronto, sul Lago Ontario. Quarto trasloco in un anno: non male no?

Condominio Toronto - Queens Quay west

Abbiamo 1 camera da letto piuttosto grande con un mini-studio incorporato (separato da porta scorrevole a vetri), cucina (ovviamente all’americana) con mini salotto (foto in fondo al post), bagno con varie amenities (c’è perfino l’asciugatrice) ed un ampio ingresso con letto a castello aggiuntivo per 3 ospiti. Ecco cos’altro ho da dirvi sul mio condominio di Toronto…

(1) In Canada, un Condo (senza M!) è una specie di albergo con reception e facilities (tipo piscina e gym), non un palazzone come in Italia e basta.

(2) Gli appartamenti dei Condomini sono chiamati suites, ed hanno un numero (il mio è il 219). L’indirizzo della suite diventa numero suite-numero civico. Io e Bowen al momento siamo al 219-650 di Queens Quay St. West, Toronto (vedi mappa – non è accuratissima ma rende l’idea).

Mappa Grande

(3) Le famiglie ospitate nel Condominio di Queens Quay W sono oltre 350: 20 suites per piano e un totale di 19 piani!

(4) Non parlate con gli estranei negli ascensori dei condomini di Toronto: non vi rispondono, o al massimo vi guardano pensando che siete maniaci!

(5) Harold, un signore sulla sessantina che lavora alla reception del Condominio è simpaticissimo.

(6) Oggi martedì 31 marzo hanno fatto il test dell’allarme anti-incendio dell’intero Condominio: una voce maschile dice “May I have your attention please…” e poi non ricordo perché dormivo, mannaggia a loro!

(7) Dalla camera da letto del mio Condo il mio Macbook vede 14 reti wireless, di cui 2 non protette: olè!

(8) C’è una Party Room al piano terra del Condo per organizzare feste, non l’ho ancora vista ma non vedo l’ora di fare l’house warming party!

Ancora il trasloco al nuovo Condo non è completato: posterò altre foto quando avremo sistemato tutto!!!!

Condominio Toronto

Foto della seconda settimana a Toronto (ovvero Toronto durante la settimana del St. Patrick’s Day)

Alcuni poster giganti di Toronto non sono male… tipo questo di Gossip Girl ^_^

P1050125


Toronto Starbucks: per la serie “instructions for dummies”…

Toronto Starbucks cannuccia straw

Annuncio visto (e fotografato) vicino all’Università di Toronto.

Hot Male needed Toronto U of T

Agisci!

Agisci! U of T Bookshop

C’è una Cinese che mi segue ovunque vada a Toronto… Aiuto! Hihihi

P1050254

Best Marketing ever (Bloor St. West)

Marketing Karma

St Patrick’s Day a Toronto

St Patrick's Day a Toronto

Seconda settimana a Toronto: alla scoperta della Toronto Subway (TTC)

In questa seconda settimana a Toronto ho capito cosa significa avere a che fare con un clima che non perdona e con una metro che funziona peggio di quella di Roma.

Metro a Toronto - TTC - Toronto Subway

Immergersi nel freddo del mattino di Toronto per andare all’università, in piscina o ad un incontro di lavoro fa uno strano effetto. -9°C sul viso ti svegliano per bene ma hanno anche l’effetto di congelare qualunque istinto sociale più del “Excuse me” che bisogna sfoderare per entrare nella metro affollata.

La Subway di Toronto (TTC) è costituita da due linee principali, di cui una è fatta a forma di ferro di cavallo (la linea gialla). Non è al livello del Trenino di Ostia, ma la Metro di Toronto non è nemmeno paragonabile all’Underground di Londra o al Metro di Parigi. Diciamo che la Metro di Toronto è meglio della linea B di Roma ma peggio della linea A.

!map-400.jpg.jpeg

Ecco i 5 motivi per cui la metro di Toronto è peggio di quella di Roma:

  1. la metro di Toronto non è puntuale, peggio di quella di Roma: non ci sono nemmeno le indicazioni di arrivo del “prossimo treno”
  2. la metro di Toronto è dannatamente rumorosa, anche perché i treni sono piuttosto vecchi
  3. la metro di Toronto è a vagoni separati, e non ci sono schermi video
  4. la metro di Toronto ti sballotta come una centrifuga, non so se perché va più veloce o perché i “piloti” sono incapaci
  5. la metro di Toronto ha i vagoni più piccoli e quindi ci entrano meno persone; inoltre poiché il periodo di apertura delle porte dura meno è facile rimanere fuori


Foto della prima settimana a Toronto

“Sante Parole”

P1050019.jpg

Gli autobus scolastici a Toronto sono quelli gialli che si vedono nei film americani.

P1040989.jpg

Bowen sta cercando un libro per imparare il Cinese adatto a me…

P1040996.jpg

Una delle bacheche dell’Università di Toronto (U of T).

P1050024.jpg

Il caffè di Tim Hortons fa schifo, ma ho vinto un Donut!

P1050066.jpg

Ad un ristorante coreano (North York).

P1050008.jpg

Ecco il cibo Coreano… (antipasti).

P1050002.jpg

Qualche pubblicità carina si vede in giro per Toronto…

P1050001.jpg

Sì, è un espresso (double long – Second Cup).

P1050073.jpg

Negozio di vestiti per taglie forti.

P1050059.jpg

Uno degli innumerevoli Apple Store di Toronto. La bambina che usa l’iMac è Bowen.

P1050065.jpg

Sguardo canadese.

P1050029.jpg

Il negozio si chiama Shoppers: ma se è tutto grande perché i carrelli della spesa sono così piccoli?

P1050088.jpg

Nuova vita a Toronto: la prima settimana è passata

E così la prima settimana a Toronto è passata.

Sono partito con due valigioni e una borsa piena di libri… ma soprattutto ho trasportato tutti i pacchi e pacchetti di Bowen. Forse per una Cinese viaggiare è sempre un mezzo trasloco… ^_^

P1040970.jpg

Oggi ho ceduto alla cucina italica e sto preparando una pasta con il pesto. Ingredienti italiani che non è difficile trovare nei supermercati di Toronto. Sarà forse perché la comunità italiana è forte, o forse perché qui in Nord America trovi un pò tutto. Basta pagare con la magica carta di credito e ti si aprono tutte le porte.

La settimana era iniziata con tante cose da fare, e quasi tutto è risolto, ora. Resta da vedere la faccenda lavoro. Forse preferirei fare semplicemente qualche stage (che qui chiamano internship) in qualche agenzia di online marketing (che qui chiamano digital marketing) di Toronto (che qui chiamano To-ro-no).

Quello che ho capito è che mi ci vorrà un pò per ambientarmi alla vita Nord Americana di Toronto: quando sei qui in vacanza, anche per 1 mese, non te ne accorgi. Ma la cultura è effettivamente diversa da quella Europea e Italiana. Uno shock eccitante tutto sommato. Dagli orari, al clima, agli edifici alle persone, qui tutto è un pò più veloce, meccanizzato e disumanizzato perché più tecnologico. Mi piace.